smaltimento amianto ed eternit

Nelle case, negli anni passati l'amianto è stato utilizzato principalmente nelle tubazioni di scarico dei bagni o dei pluviali, cassoni dell'acqua generalmente presenti nelle soffitte o cantine, canne fumarie, cappe delle cucine, lastre ondulate o tegole utilizzate prettamente per tettoie, garage, capanne, tetti. In maniera più rara un'altro utilizzo veniva fatto con delle lastre poste dietro i caloriferi.

 

Queste in linea di massima sono le principali forme di utilizzo anche in base a i nostri interventi quotidiani di rimozione. Ciò non toglie che si possa in maniera minore trovarlo anche in altri manufatti.

La pericolosità sta nell'usura, bandito in maniera definitiva nel 1992, ad oggi come minimo il manufatto avrebbe venti anni. Trascorsi così tanti anni e con l'aggravarsi dell'inquinamento atmosferico sono sorti i primi problemi relativamente a questo tipo di manufatti.

 

Infatti le piogge tendono a disgregare la matrice cementizia dell'impasto cemento-amianto, la sua continua erosione aumenta la porosità delle lastre e le fibre d'amianto, prima ben inglobate nel cemento, si disperdono nell'ambiente diventando ben presto una minaccia per la salute dell'uomo.

Principalmente è dannoso se inalato. Le sue fibre sono talmente sottili che l'organismo non riesce a smaltirle depositandosi, all'interno del nostro organismo anche per venti o quaranta anni, negli alveoli polmonari dando in molti casi sfogo a varie forme di tumore dell'apparato respiratorio.

 

I proprietari degli immobili hanno l'obbligo di comunicare alla propria ASL competente i dati relativi alla presenza di amianto, come stabilito dall’articolo 12 comma 5 della legge 257/92. L ’ASL a questo punto provvederà al censimento e alla valutazione del rischio che consiste nell'individuare la pericolosità del manufatto e di valutarne il rischio di deterioramento.

 

I proprietari degli immobili hanno l'obbligo di comunicare alla propria ASL competente i dati relativi alla presenza di amianto, come stabilito dall’articolo 12 comma 5 della legge 257/92. L ’ASL a questo punto provvederà al censimento e alla valutazione del rischio che consiste nell'individuare la pericolosità del manufatto e di valutarne il rischio di deterioramento.

 

Costruzioni Edili C&P di Canepari e Pozzi, svolgerà il lavoro di smaltimento amianto ed eternit seguendo le più sicure e professionali tecniche di rimozione, trasporto e smaltimento; nell’interesse dei proprietari e dei professionisti coinvolti nel lavoro.

 

Chiamaci subito al 0382 78061 per un intervento immediato!

Smaltire l'amianto è obbligatorio e fondamentale 

per la salute tua e di chi ti sta accanto!

 

Share by: